COSTA RICA: LE PIÙ BELLE SPIAGGE DELLA COSTA PACIFICA

21.03.2019    
costa-rica   backpack, nature   latinamerica, southamerica

COSTA RICA, UN PARADISO INCONTAMINATO

Il Costa Rica è quel paese dove la natura domina sulla civiltà, e gran parte del territorio è occupato da riserve naturali e parchi nazionali. La sua fama di eden incontaminato si sussegue di bocca in bocca ed occupa le fantasie dei viaggiatori più intraprendenti, e come se non bastasse, vanta una bio-diversità tra le più ricche del pianeta.
Quando si pensa al Costa Rica, però, non si può non far riferimento al suo mare, alle sue coste selvagge, veri e propri mondi vergini che aspettano solo di essere scoperti. Spiagge che si distinguono l'una dall'altra per bellezza e originalità, alcune più raggiungibili, altre più remote, ma per conoscerle tutte non basterebbe una vita.

"Il Costa Rica è corto e stretto ed è bagnato su due versanti, rispettivamente dall'Oceano Pacifico e dal Mar dei Caraibi.
Si tratta di due ambienti molto diversi l'uno dall'altro, ma ugualmente affascinanti a modo loro. Il versante atlantico, ovvero quello bagnato dal Mar dei Caraibi, è più selvaggio e desolato, mentre quello pacifico è più antropizzato e vanta una maggiore densità di spiagge, a fronte di una più ampia estensione."

LA VARIETÀ NATURALISTICA DELLA COSTA PACIFICA

Noi, è sul lato pacifico che siamo diretti questa volta, alla scoperta di angoli di mare remoti e bellissimi, dove la giungla si alterna a tratti di spiaggia desolati, e dove parchi nazionali incontaminati difendono da occhi indiscreti piccole e dolci baie dall'acqua chiara e cristallina. E ancora, ampi golfi dove trovano rifugio le Balene per farvi sosta e portare a termine la loro gestazione. Insomma ce n'è per tutti i gusti, basta animarsi e partire alla scoperta. Vediamo quindi alcune delle spiagge più belle della costa pacifica, spiagge dove è molto probabile che lascerete il cuore.

  • UVITA. Partiamo da sud, da quel tratto di costa compreso tra Quepos e il Parco Nazionale del Corcovado. Il villaggio di pescatori di Uvita è protetto alle spalle da una folta vegetazione, mentre la sua spiaggia si anima specialmente quando ogni anno passano di qui le Balene, i giganti del mare. La particolarità di questa spiaggia è nella sua conformazione naturale, che se vista dall'alto, ripropone, nemmeno a farlo a posta la coda di una balena. Siamo nel Parco Marino Ballena, la cui sabbia nera splende sotto i raggi del sole, in occasione della bassa marea, creando un gioco di specchi che regala una sensazione estraniante di infinito.
  • PARCO NAZIONALE MANUEL ANTONIO. Proseguendo verso nord, lungo la Carrettera Pacifica Fernandez Oreamuno, arriviamo, in direzione di Quepos, arriviamo all'altezza di uno dei paradisi più belli del Costa Rica. Stiamo parlando del Parco Nazionale Manuel Antonio, un'oasi rigogliosa di fitta foresta, passeggiando attraverso la quale si giunge su una bellissima spiaggia di sabbia bianca. Un vero è proprio Eden!
  • PLAYA HERRADURA. Saliamo poi ancora più a nord e giungiamo a Jacò, vitale centro turistico e balneare che offre al villeggiante un'ampia scelta di spiagge cittadine. Per scoprire però i luoghi più belli, bisogna allontanarsi ovviamente dal centro e raggiungere la Baia Herradura, che offre riparo e serenità dall'impeto dell'Oceano Pacifico, come se fosse un anfiteatro naturale.
  • RISERVA NATURALE CABO BLANCO. Dopo aver raggiunto Puntarenas ed esserci imbarcati sul traghetto con il quale si attraversa il golfo di Nicoya, giungiamo nella punta estrema della penisola omonima, facciamo base nel villaggio hippie di Montezuma e proseguiamo alla scoperta di un'altra bellissima spiaggia, nascosta e protetta da un fitto bosco che costituisce il tesoro naturale della Riserva di Cabo Blanco. Quando, dopo alcune ore di cammino, finalmente arriviamo sulla costa, ci rendiamo conto di aver scoperto un vero e proprio paradiso. Sabbia bianca, silenzio e bellezza paradisiaca
  • PLAYA AVELLANAS. Se provate a chiedere ai surfisti quale sia lo spot migliore per cavalcar le onde, loro vi risponderanno certamente “Avellanas”. Siamo ad una ventina di chilometri da Tamarindo, lì dove si trova l'altrettanto nota ai surfisti Playa Tamarindo. Playa Avellanas, però, non è famosa solo per le sue onde, perchè la sua bellezza consiste anche nel quadretto naturale che ne viene fuori: una spiaggia bianca circondata da mangrovie, scenario perfetto del più esotico dei paradisi. 
  • NOSARA. Rimaniamo nella pensiola di Nicoya, per conoscere da vicino Nosara, un lussureggiante tratto di costa che comprende quattro spiagge: Playa Guiones, Ostional, Nosara e Pelada. È questo un paradiso del surf, dove domina una natura estremamente selvaggia, ma che allo stesso tempo offre un rifugio tranquillo, lontano dalla grande folla, dove praticare snorkeling in tutta serenità. Inoltre è qui possibile ammirare le migliaia di tartarughe marine che hanno scelto questo posto come location ideale per venirsi a ristorare.

Per leggere altri articoli di Vitamina Project, clicca qui.

Per visitare il sito di Vitamina Project, clicca qui.

Ask Rocco more about this trip leave a comment below and start a chat!

2 Responses

Leave a Reply