Costa Rica, itinerario perfetto per due settimane

02.11.2019    
costa-rica   adventure, backpack, nature   central-america

Costa Rica, pura vida, paradiso terrestre di cascate, spiagge e colori tropicali.

ARRIVO: SAN JOSE '

Scelta obbligata se si arriva in aereo, la città non offre nulla di particolare da fare o da visitare, se non nei quartieri Barrio Amon e Barrio Escalante. Se non avete intenzione di addentrarvi nella città e volete dormire vicino all'aeroporto, consiglio vivamente di dormire qua https://www.coloursoasis.com/

PUERTO VIEJO: 2/3 GIORNI

Gioiello caraibico: mare e spiagge da sogno, cultura ancora abbastanza intatta, ci si può rilassare un paio di giorni in spiaggia oppure farsi dei giri in bicicletta.

Dove dormire: Lazy Loft, perfetto per conoscere gente e direttamente sul mare https://www.booking.com/hotel/cr/the-lazy-loft.it.html

Come arrivare : bus diretto da San Josè, cca 5 ore di strada

LA FORTUNA: 2/3 GIORNI

Avventura e relax nello stesso posto, La Fortuna, famosa in quanto alla base del Vulcano Arenal, offre cascate meravigliose, trekking sul vulcano, sorgenti termali, gratis e a pagamento

Cosa fare

- catarata la fortuna: la cascata più divertente che abbia mai visto, si può fare il bagno praticamente sotto una cascata di 100 metri (ad occhio e croce) ... adrenalina pura!

- trekking attorno al vulcano: purtroppo sul vulcano non si può salire, ci sono però una serie di percorsi interessanti che passano attorno alla base del vulcano e offrono ottime viste panoramiche

- sorgenti calde: dopo il trekking la cosa più rilassante da fare è il bagno nelle sorgenti calde, sorgenti termali di acqua calda sulfurea in mezzo alla natura. Oltre ad essere bellissimo, è gratis, e si può andare anche di sera.

- terme a pagamento: nonostante quelle grautite, consiglio vivamente anche di farne una di quelle a pagamento, sono posti paradisiaci in mezzo alla natura, a un prezzo per lo più accessibile (ce ne sono di tutti i gusti). Io personalmente sono stato all 'Ecotermales https://ecotermalesfortuna.cr/ e ha assolutamente mantenuto le aspettative

Dove dormire : Arenal Backpackers Resort https://www.arenalbackpackers.com/, Selina La Fortuna

Come arrivare: bus diretto da San Josè (3 ore circa), mentre si vuole arrivare da Puerto Viejo numerose agenzie turistiche per 70 dollari ti viaggiano, con tutti i bagagli, una tariffa rafting sul fiume Paquare e poi ti sei riservato a La Fortuna . E 'un'ottima soluzione per non perdere un giorno di viaggio e uno dei must do del Costa Rica.

MONTEVERDE 1/2 giorni

Località in montagna, persa nel cosiddetto bosco nebulare, è famosa fondamentalmente perché qua sono stati creati i primi Canopy Tour, e dove si trovano tutt'ora i più avventurosi. Può sembrare una meta da saltare, tuttavia questi Canopy tour - zip line attraverso la foresta - sono qualcosa di veramente iper adrenalinico, e considerando che si trova sulla strada tra La Fortuna e il mare, è pure comodo.

Cosa fare

Tra le varie opzioni noi personalmente abbiamo fatto il 100% Aventura (https://www.aventuracanopytour.com/), che presentava la Zip Line più lunga dell'America Latina (1,5 km) e un Tarzan Swing alto 50 metri. Sembra poca roba, ma consiglio di guardare questi video per capire di cosa si tratta

https://www.youtube.com/watch?v=4fuZEBD-oxE

https://www.youtube.com/watch?v=RXJAHEx_Dp4

Le altre attrazioni di Monteverde forse non sono così imperdibili: oltre alle classiche visite delle piantagioni di caffè, merita probabilmente anche una visita notturna del bosco nebuloso in cerca degli animali notturni.

Dove dormire : Cabinas vista al golfo https://www.cabinasvistaalgolfo.com/, Selina Monteverde

Come arrivare : qualunque ostello ti proporrà, per 35 dollari, il percorso via barca sul lago Arenal; oltre ad essere una tratta piuttosto veloce (circa 3 ore e mezza) è anche una dei percorsi più panoramici che vedrete in Costa Rica.

PLAYA TAMARINDO: 2 GIORNI

Punta nord di Nicoya, la penisola del surf e dello yoga, Playa Tamarindo è probabilmente uno degli spot migliori per imparare a surfare. Le onde sono semplici e ci sono numerose scuole di Surf economiche (ad es. 1 di lezione per due persone, 50 dollari)

Cosa fare

- Surf

- andare a playa Grande, spiaggia più desolata, ottime onde per i surfisti un pochino più esperti e durante la stagione tra ottobre e marzo di sera è possibile vedere le tartarughe marine deporre le uova , esperienza assolutamente consigliata. Playa Grande è praticamente la continuazione di Playa Tamarindo, tuttavia essendoci un fiume di mezzo in macchina/tax ci si impiega mezzoretta. Per attraversare il fiume ci sono delle piccole imbarcazioni che portano i turisti da un lato all'altro.

Come arrivare: da Monteverde ci sono navette private che impiegano 5 ore per 70 dollari. Con i mezzi pubblici è molto più economico ma bisogna fare due cambi e rischia di diventare un viaggio veramente lungo.

ISOLA DI NICOYA 3/4 GIORNI

L'isola di Nicoya rappresenta il Costa Rica al suo apice, paradiso per surfisti, hippy e amanti dello yoga e della natura.

Da Tamarindo fino a Paquera, non c'è che l'imbarazzo della scelta sulla spiaggia da scegliere e l'onda da surfare.

In base ai giorni che si hanno una disposizione, consiglio di fare una tappa centrale a Nosara o Samara, spiaggie egualmente valide, per poi spendere più giorni sulla punta sud, tra Santa Teresa , Mal Pais e Montezuma. Qui si trovano le spiagge più tropicali e le località più hippie.

Cosa fare:

- surf;

- yoga;

- visitare le spiagge di Nosara, Samara, Santa Tersa, Mal Pais, Montezuma;

- visitare il parco nazionale Paquera;

- visitare le isole nella zona, in particolare la isla Tortuga, per apprezzarne le spiagge deserte di sabbia finissima.

Come arrivare : purtroppo il sud della penisola non è particolarmente ben collegato, arrivare da Tamarindo fino a Santa Teresa con un van privato costa sui 70 dollari, con i mezzi ci sono molti cambi da fare.

MANUEL ANTONIO 2/3 GIORNI

Secondo molti il ​​più bel parco del paese, senza dubbio una meta imperdibile; un parco naturale ricco di colori e di wildlife, senza neanche doversi sforzare troppo si incontrano scimmie, bradipi e tucani. All'interno del parco ci sono anche un paio di spiagge tropicali che sono sicuramente tra le più belle del paese. Consiglio: andare il più presto possibile nel parco perchè essendo molto piccolo si riempie velocemente, e una volta visti gli animali che si vogliono vedere, andate velocemente in spiaggia, in modo tale da trovarla deserta e assolutamente paradisiaca. Dalle 11/11:30 anche la spiaggia sarà parecchio affollata!

Cosa fare:

  • ovviamente, la visita al parco;
  • spiaggia;
  • eventualmente si può andare a Uvita, un'ora di strada verso sud. L'unicità della spiaggia è dovuta alla sua forma di coda di balena

Dove dormire: al Selina troverete uno degli ostelli più festaioli del paese, se volete un posto in qualche modo più caratteristico consiglio anche il Plinio a Quepos (5km dalla cittadina di Manuel Antonio, 10 dal parco - c'è un bus che ogni mezz'ora va da Quepos al parco e torna indietro), anche se le stanze sono decisamente rivedibili https://www.booking.com/hotel/cr/hostel-plinio-manuel-antonio.it.html  

Locali: la strada dalla cittadina al parco è costellata di locali e ristoranti, la maggior parte, essendo in cima a una collina, godono di una vista spettacolare sul golfo, ottimo andarci ad orario aperitivo!

Come arrivare: da Paquera prendere il traghetto che porta a Puntanarenas, dove si può prendere il bus che in un ora e mezzo porta a Quepos. A Quepos prendere il bus locale che porta alla fermata del Plinio (da Quepos circa un km verso Manuel Antonio) oppure a Manuel Antonio. Con San Josè è invece collegata da un bus diretto.

Ask Luigi more about this trip leave a comment below and start a chat!

Leave a Reply